RISCALDAMENTO A PAVIMENTO NUOVA GENERAZIONE

riscaldamento-a-pavimento
Abbinando oggi caldaie a condensazione e impianti di nuova generazione si può ovviare al problema di sovratiscaldamento corporeo che generava danni a cuore e vene
Il problema della circolazione dipendente dal riscaldamento a pavimento è legato alle iniziali e cattive progettazioni/installazioni di qualche decennio addietro. Oggi la progettazione e l’installazione deve seguire le normative vigenti della UNI EN 1264, che stabilisce temperatura massima delle piastrelle non superi i 29°C in ambienti quali la camera da letto o il soggiorno. Nei bagni è consentito raggiungere i 33°C per poter avere un ambiente più caldo. Tali temperature sono perfettamente compatibili con la temperatura corporea e non creano i problemi di circolazione sanguigna che si avevano un volta. Ecco comunque alcuni dei vantaggi del riscaldamento a pavimento:
L’emissione di calore prodotta dall’intero pavimento consente di avere una temperatura uniforme, evitando i classici punti freddi che si riscontrano negli impianti con i radiatori.
• Non vi è il fenomeno dell’aria secca.
• Nessuna parete è occupata dai radiatori consentendo di disporre di più spazio nelle abitazioni.
• Inoltre con gli stessi impianti è possibile il raffrescamento estivo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...